top of page

Quali sono le opportunità e le sfide che il settore calzature italiano deve affrontare nell'export?

Le aziende italiane sono leader nella produzione di scarpe di alta qualità, stile e artigianalità. Tuttavia, il settore si trova ad affrontare una serie di sfide, tra cui l'aumento dei costi delle materie prime e dell'energia, la concorrenza da parte dei paesi a basso costo, e la necessità di essere più sostenibili. Scopri come le aziende italiane possono rispondere ai cambiamenti del mercato.


Il settore calzaturiero italiano è uno dei più importanti del Made in Italy: con un fatturato di oltre 12 miliardi di euro nel 2022, il nostro Paese è il terzo esportatore mondiale di calzature in termini di valore, dietro alla Cina e al Vietnam, e il secondo produttore europeo.

La crescente richiesta globale di scarpe, spinta dalla ripresa dopo la pandemia, ha notevolmente contribuito all'espansione del settore nel 2022, segnando un notevole balzo del 23% rispetto all'anno precedente, raggiungendo un valore di 12,65 miliardi di euro.

Nonostante le prospettive di crescita incoraggianti, l'industria calzaturiera italiana si trova di fronte a diverse sfide. Queste includono l'aumento dei costi delle materie prime e dell'energia, la concorrenza proveniente da paesi a basso costo e la necessità di innovare per soddisfare le mutevoli esigenze dei consumatori.

In questo articolo, esamineremo dettagliatamente le opportunità e gli ostacoli del settore calzaturiero italiano con l'obiettivo di fornire un quadro esauriente e dare qualche consiglio per affrontare le sfide dell'export.

SOMMARIO:



sfide del settore calzaturiero italiano

Le opportunità del mercato calzature internazionale

Domanda globale in crescita

L'incremento della domanda globale rappresenta una preziosa occasione per l'industria calzaturiera italiana. Secondo le previsioni di Assocalzaturifici, nel 2023 il mercato globale delle calzature segnerà un incremento del 5%, raggiungendo un valore di circa 250 miliardi di euro. Questo slancio è guidato da svariati fattori, tra cui l'aumento del reddito disponibile, l'urbanizzazione e l'incrementata attenzione alla moda e al design.

Per l'Italia, si apre un'importante finestra per ampliare le proprie esportazioni e conquistare nuovi mercati: il mercato delle calzature italiane è acclamato per l'alta qualità, lo stile distintivo e l'abilità artigianale, qualità che riscuotono apprezzamento in tutto il mondo.

Qui di seguito, alcuni esempi tangibili di come le aziende italiane stanno cogliendo l'opportunità della domanda globale in crescita:

  • Tod's ha inaugurato un nuovo flagship store a Shanghai, in Cina.

  • Geox ha lanciato una nuova linea di scarpe sportive per il mercato statunitense.

  • Ferragamo ha collaborato con il marchio giapponese Comme des Garçons per creare una linea di scarpe esclusiva.

Questi casi dimostrano la volontà delle aziende italiane di sfidare i mercati internazionali e guadagnarsi la fiducia dei consumatori di tutto il mondo.

Mercati emergenti: grandi opportunità di crescita per le aziende calzaturiere italiane

Cina, India e Brasile: questi mercati in ascesa si rivelano come fonti di crescita imperdibili per le aziende italiane specializzate nelle calzature. L'Asia e l'America Latina, nuovi poli di sviluppo, stanno diventando mete primarie per le esportazioni di prodotti italiani di grande qualità. Queste aree aprono spazi di sviluppo per le aziende italiane, capaci di soddisfare la crescente richiesta di prodotti d'élite.

In particolare, la Cina si pone in primo piano come mercato chiave per le calzature italiane, registrando oltre 2 miliardi di euro di importazioni nel 2022. L'India, in rapida crescita, si posiziona a sua volta con importazioni per oltre 1 miliardo di euro, mentre il Brasile, mercato tradizionale, raggiunge oltre 700 milioni di euro.

La classe media in crescita di questi paesi stimola la richiesta di beni d'alto livello e in parallelo, le economie in espansione offrono ai consumatori una maggiore disponibilità economica da investire in prodotti e servizi di lusso.

Naturalmente, penetrare con successo nei mercati emergenti pone alle aziende calzaturiere italiane sfide da affrontare. La personalizzazione dei prodotti secondo le preferenze dei consumatori locali risulta fondamentale. Stabilire relazioni solide con distributori e clienti locali è altrettanto cruciale, così come competere con i produttori autoctoni. Mattraverso investimenti in ricerca e sviluppo, strategie di marketing e distribuzione mirate, è possibile ottenere risultati positivi.

Le nuove tecnologie: un'opportunità per il settore calzature italiano

L'eccellenza globale del settore calzaturiero italiano è riconosciuta per la sua qualità, stile e artigianalità. L'innovazione tecnologica sta ora riscrivendo questa storia, aprendo un mondo di possibilità alle aziende italiane per sviluppare prodotti e processi che le rendano competitive a livello internazionale.

Tra le tecnologie più interessanti, spicca la stampa 3D. Quest'approccio rivoluzionario permette di creare scarpe su misura in modo automatizzato e rapido e consente la personalizzazione di ogni aspetto della calzatura, dall'adattamento, alla forma del piede, all'altezza del tacco, senza dimenticare la larghezza della pianta e la correzione di eventuali problemi di postura. Inoltre, è possibile sperimentare materiali all'avanguardia, tra cui quelli biodegradabili o quelli che regalano comfort, flessibilità e resistenza superiori.

Un'altra perla tecnologica è l'intelligenza artificiale (AI), un valido alleato per incrementare efficienza e produttività. Attraverso l'AI, processi come il taglio e il cucito possono essere automatizzati, la gestione delle materie prime ottimizzata e la logistica perfezionata.

Le nuove tecnologie consentono alle aziende calzaturiere italiane di emergere dalla concorrenza e di esplorare nuovi mercati, dimostrando la loro determinazione a mantenersi competitive globalmente e a conquistare nuovi orizzonti di mercato.


"L'Italia è un leader mondiale nel settore calzaturiero. Le nostre aziende sono in grado di offrire prodotti di alta qualità, capaci di soddisfare le esigenze dei consumatori più esigenti. L'export è un elemento fondamentale per la crescita del settore, e dobbiamo continuare a lavorare per consolidare la nostra presenza sui mercati internazionali." - Alessandro Tripoli, Presidente di Assocalzaturifici


Le sfide del settore calzaturiero italiano

Crisi economica e aumento dei costi delle materie prime e dell'energia: una sfida per il mercato calzature Italia

La situazione economica attuale, contrassegnata da un'impennata dei costi delle materie prime e dell'energia, costituisce una delle sfide principali che il settore calzaturiero italiano deve affrontare.

Questo scenario è ulteriormente complicato dalla guerra in Ucraina e dall'aumento dell'inflazione, entrambi fattori che stanno determinando una recessione economica in molte nazioni, che potrebbe avere ripercussioni negative sulla domanda di beni di consumo. Nello specifico, questa recessione potrebbe tradursi in una diminuzione della spesa dei consumatori per articoli non essenziali, come le calzature, con conseguenti effetti negativi sulle vendite e la produzione delle imprese calzaturiere italiane.

A complicare ulteriormente la situazione, il conflitto in corso tra Russia e Ucraina ha innalzato notevolmente i prezzi delle materie prime, tra cui il petrolio, il gas e i materiali agricoli. Questo ha comportato un incremento dei costi di produzione per le aziende calzaturiere italiane, che ora stanno cercando soluzioni per mitigare tali impatti.

Concorrenza dei paesi a basso costo

La sfida della concorrenza da parte di paesi a basso costo è una delle principali questioni che il settore calzaturiero italiano deve affrontare. Paesi come la Cina e il Vietnam hanno un evidente vantaggio competitivo in termini di costi di produzione, grazie alla loro manodopera economica e alle efficienti infrastrutture industriali. Questa competizione crescente ha messo pressione sui prezzi delle calzature italiane, spingendo le imprese del nostro paese a cercare modi innovativi per mantenere la loro competitività.

Per farlo, le aziende italiane possono abbracciare diverse strategie. Prima di tutto possono puntare sulla qualità dei loro prodotti, famosa in tutto il mondo per l'eccellenza, lo stile e l'artigianalità. Questo si traduce in un costante impegno in ricerca e sviluppo per offrire un valore sempre superiore ai consumatori.

Un'altra strategia è concentrarsi su nicchie di mercato, offrendo prodotti di alta gamma che regalano esperienze uniche, evitando così la diretta competizione con i paesi a basso costo focalizzati sulla fascia media.

La sfida della sostenibilità per le calzature italiane

È innegabile che l'industria calzaturiera sia una delle maggiori fonti di inquinamento a livello globale. La fabbricazione delle scarpe richiede ingenti quantità di risorse naturali, come pelle, cuoio, gomma e tessuti, generando, al contempo, rifiuti e scarti. E in un'epoca in cui i consumatori sono sempre più sensibili alle questioni ambientali, le aziende sono chiamate a minimizzare il loro impatto ecologico.

Per affrontare queste sfide, le aziende italiane del settore stanno adottando una serie di strategie. Tra queste, vi è l'investimento nello sviluppo di materiali sostenibili, quali la pelle vegana, la gomma riciclata e i tessuti derivati da fibre naturali. Inoltre, stanno attuando misure volte a ridurre gli sprechi di materiali e risorse, tra cui il riutilizzo degli scarti e il potenziamento dell'efficienza dei processi produttivi. Parallelamente, stanno abbracciando fonti di energia rinnovabile, come quella solare ed eolica, per ridurre le emissioni di carbonio.

Questi sforzi sono indubbiamente positivi, ma il costo dei materiali sostenibili rimane una barriera significativa e la mancanza di standard e certificazioni per i materiali sostenibili rende difficile individuare e utilizzare le opzioni più ecocompatibili.

Ma la sostenibilità, pur essendo una sfida, è anche un'opportunità. Le aziende che riescono a ridurre il loro impatto ambientale possono non solo soddisfare le esigenze dei consumatori sempre più attenti all'ambiente, ma anche costruire un vantaggio competitivo nel mercato.

Consigli per le aziende italiane nel settore calzature

Per affrontare le sfide dell'export, le aziende italiane devono adottare una serie di strategie, tra cui:

Focalizzarsi sui mercati di nicchia.

Nel competitivo mercato globale delle calzature, le aziende italiane possono incrementare le loro prospettive di successo, concentrandosi su nicchie di mercato come il lusso, lo sport e la sostenibilità.

Queste nicchie offrono vantaggi chiave: permettono alle aziende di distinguersi dalla concorrenza, offrendo prodotti e servizi unici e sono meno affollati rispetto ai mercati di massa, conferendo così un vantaggio competitivo alle aziende italiane.

Tra le promettenti nicchie di mercato per le aziende italiane nel settore delle calzature, troviamo:

  1. Calzature di lusso: Questo settore è in costante crescita, specialmente nei paesi emergenti. Grazie alla loro rinomata competenza nella produzione di calzature di lusso, le aziende italiane possono acquisire una quota di mercato significativa.

  2. Calzature sportive: Un altro settore in forte espansione. Le aziende italiane possono offrire prodotti di alta qualità con design accattivante, soddisfacendo così le esigenze dei consumatori sportivi.

  3. Calzature sostenibili: Con la crescente consapevolezza ambientale dei consumatori, le aziende italiane possono sfruttare la loro lunga tradizione di artigianalità e produzione sostenibile per rispondere a questa tendenza in crescita.

Investire in marketing e branding.

Per massimizzare il successo nell'export, le aziende italiane devono anche considerare investimenti mirati in marketing e branding. Questi aspetti sono fondamentali per la promozione del marchio e dei prodotti nei mercati internazionali.

Ecco alcune linee guida per un investimento efficace in marketing e branding:

  • Sviluppare una strategia di marketing globale: Questa strategia dovrebbe tener conto delle differenze culturali e delle esigenze dei consumatori nei vari mercati, consentendo alle aziende di adattarsi in modo appropriato.

  • Creare un sito web multilingue: Un sito web ottimizzato per i motori di ricerca può essere un asset prezioso per raggiungere un pubblico più vasto e internazionale.

  • Investire in campagne di marketing digitale: Questo può includere pubblicità su social media e piattaforme come Google, che possono aumentare la visibilità del marchio.

  • Partecipare a fiere ed eventi internazionali: Queste occasioni offrono l'opportunità di promuovere prodotti e stabilire contatti con potenziali clienti in modo diretto.

Stringere partnership internazionali

Creare collaborazioni internazionali rappresenta un passo fondamentale per le aziende italiane nel settore calzaturiero che intendono affrontare con successo il mondo dell'export. Questa strategia può portare numerosi vantaggi, tra cui:

  1. Accesso a nuovi mercati: Le aziende italiane possono unirsi a partner internazionali per esplorare nuovi mercati e ampliare la propria clientela.

  2. Sfruttare le conoscenze locali: Sfruttare l'esperienza dei partner locali può aiutare le aziende italiane a comprendere meglio le esigenze e i gusti dei consumatori in diversi mercati.

  3. Ottimizzazione della distribuzione: Collaborare con partner internazionali può migliorare l'efficienza e ridurre i costi della distribuzione dei prodotti italiani.

La scelta del tipo di partnership più adatta dipende dalle esigenze specifiche dell'azienda italiana e dagli obiettivi di espansione internazionale. In definitiva, stabilire partnership internazionali rappresenta una strategia essenziale per le aziende calzaturiere italiane che vogliono prosperare nell'export e consolidare la loro presenza sui mercati globali.

Scopri come le nostre soluzioni di ricerca partner all'estero possono aiutarti a superare le sfide dell'export. Contattaci ora per una consulenza gratuita!

bottom of page